OPERAZIONE MEDEA COME I CASALESI UTILIZZANO I POLITICI IL SISTEMA DELLA CORRUZIONENEGLI ENTI IDRICI

È denominata Operazione Medea, l’inchiesta che fa luce sugli intrecci della politica con il malaffare, che ha portato all’arresto di politici , quali Il sindaco di Caserta Pio Del Gaudio, Angelo Polverino , dell’ex senatore Tommaso Barbato e alla richiesta al Parlamento degli arresti domiciliari per il parlamentare Carlo Sarro; oltre che all’arresto di imprenditori legati al clan dei casalesi.

Nel dossier di 296 pagine, che racchiude un sistema di corruttele e di tangenti, che Marigliano.net pubblica integralmente, sono riportate le risultanze dell’inchiesta che hanno spinto il gip, Egle Pilla, ad emettere le 13 ordinanze di custodia cautelare in carcere contro componenti e favoreggiatori del gruppo Zagaria del clan dei Casalesi.

L’inchiesta della Dda di Napoli riguarda fra l’altro un sistema di corruzione negli Enti dei servizi idrici della Regione Campania e finanziamenti illeciti ai politici locali. Si parla di un sistema di tangenti nelle somme urgenze e negli appalti dove per aggiudicarsi i lavori bisognava versare il 5% nelle mani dei politici di riferimento, che oltre ai soldi chiedevano in alcuni casi anche i voti.

Le accuse mosse sono di associazione mafiosa, corruzione, intestazione fittizia di beni, turbata libertà degli incanti e finanziamento illecito ai partiti. In corso anche il sequestro preventivo di conti correnti per 11 milioni di euro. In alcuni documenti sono citati lavori effettuati da imprenditori legati ai clan dei casalesi nella città di Marigliano.

http://www.marigliano.net/doc/ordinanza_medea.PDF

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...