VITALIZI

E’ tempo di campagna elettorale e la maggioranza non vuole perdere altro terreno dopo la dura protesta degli insegnanti. Mai uno sciopero veniva idetto da quasi tutte le sigle sindacali e mai vista una adesione così massiccia.

Il coniglio di Renzi è una legge  sui vitalizi. Più che una legge una presa per i fondelli. Infatti in testa alla lista di chi, ad oggi, tra gli ex parlamentari condannati riceve le pensioni, c’è Silvio Berlusconi, condannato per frode fiscale nel processo sui diritti Mediaset, che percepirebbe un vitalizio da 8mila euro, il più alto di tutti. Per Marcello Dell’Utri a maggio scorso la Cassazione ha confermato in via definitiva la condanna a sette anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa per cui sarebbe fuori e non potrebbe percepire l’assegno.  Condannato per corruzione in atti giudiziari, con lo scopo di ottenere sentenze favorevoli da parte dei giudici, Cesare Previti percepisce 4.235 euro.

Tra i condannati ai quali potrebbe essere revocato il vitalizio c’è anche Arnaldo Forlani che, condannato in via definitiva a due anni e quattro mesi di detenzione per finanziamento illecito nell’affare Enimont, percepisce 6.062 euro. È di 5.573 il vitalizio di Paolo Cirino Pomicino condannato in via definitiva a 1 anno e 8 mesi di reclusione per finanziamento illecito dei partiti con la maxi tangente Enimont, patteggiando in seguito una pena di 2 mesi per corruzione nell’ambito dei fondi neri Eni. Ci sono anche Claudio Martelli il cui vitalizio è pari a 4.992 euro e Gianni De Michelis coinvolto in Tangentopoli con un patteggiamento e un vitalizio da 5.517 euro. Alfredo Vito percepisce due vitalizi, uno da ex consigliere regionale e l’altro da ex deputato, per un totale di 4.540 euro, condannato a restituire 5 miliardi per 22 episodi di corruzione a Napoli. Tra le pensioni più basse quella di Toni Negri, di 2mila euro, condannato per reati legati al terrorismo, Gianstefano Frigerio, condannato per corruzione e concussione, che percepisce 2.142 euro al mese, e Giuseppe Ciarrapico, condannato per ricettazione fallimentare e bancarotta fraudolenta, destinatario di un vitalizio da 1.824 euro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...