Regionali – appello per «MAGGIO» CAMPANIA E CRISI PER UN NUOVO PROTAGONISMO DEI POPOLI DEL MEZZOGIORNO

Intere generazioni stanno pagando il prezzo della diseguaglianza e delle discriminazioni sociali sempre più evidenti. Un gruppo ristretto di interessi privati si rafforza nella crisi e continua a fare profitti a scapito delle persone e dei loro territori, in particolare dei più giovani e di chi vive nel Mezzogiorno. Ciò avviene anche grazie a referenti politico-istituzionali compiacenti che orientano le risorse verso le aree più ricche del Paese e che, con una ormai consolidata coalizione di larghe intese il cui collante sono le politiche neoliberiste, lavora a smantellare diritti, redditi e democrazia facendo leva sul populismo e il controllo sociale.
Il Mezzogiorno vive sulla pelle delle sue popolazioni tale diseguaglianza e le scelte del governo Renzi stanno aumentando il divario con il Nord Italia. Per finanziare il Jobs Act sono stati sottratti 3,5 miliardi “vincolati” allo sviluppo del Sud; ai trasposti ferroviari per la rete del mezzogiorno è stato destinato solo l’1,2% degli investimenti previsti per il settore; le politiche sociali sono segnate da un federalismo truccato che assegna le risorse per istruzione e asili nido in modo da danneggiare le famiglie del Mezzogiorno, accrescendo i divari persino per la fascia d’età entro i tre anni di vita. In Campania la disoccupazione cresce sei volte più velocemente che nelle regioni del Nord, i giovani senza lavoro sfondano la soglia del 50% e l’emigrazione, anche quella intellettuale, appare sempre più spesso l’unica soluzione possibile. Questi dati rappresentano la fotografia del processo di desertificazione industriale ed agricola (e quindi anche del relativo terziario) che i governi interpreti delle politiche di austerità stanno producendo. Di contro, gli interessicamorristici si trovano a proprio agio in un sistema economico-politico clientelare e teso allo sfruttamento selvaggio della natura e delle persone. Lo sversamento dei rifiuti tossici e la gestione delle bonifiche, fino ad oggi peraltro solo evocate, ne costituiscono l’esempio più drammatico. In questo contesto, il governo di Caldoro ha operato per il rafforzamento delle lobby private e si è reso perfetto interprete degli indirizzi dei governi nazionali da Monti, passando per Letta, fino a giungere a Renzi, una continuità foriera di gravi conseguenze per la nostra Regione: condoni, privatizzazioni, fondi Ue inutilizzati, assenza totale di qualsiasi tentativo di difesa della struttura industriale campana, rigetto del confronto con i movimenti che operano per la difesa dei beni comuni, della salute, dei diritti dei lavoratori e delle lavoratrici e del patrimonio pubblico. Si tratta dunque di un governo regionale che ha potuto operare indisturbato con la  complicità del Partito Democratico che, seppur nominalmente all’opposizione, ha condiviso la privatizzazione dell’acqua, le politiche di incenerimento, il lento logoramento della sanità e lo smantellamento delle aziende pubbliche. La disuguaglianza non è semplicemente conseguenza di politiche sbagliate, è la condizione necessaria affinché chi si sta arricchendo nella crisi possa continuare a farlo. Ciò significa che tale insopportabile disparità continuerà nel tempo e minerà ulteriormente il nostro futuro se non facciamo subito qualcosa.

Ci rivolgiamo alle migliaia di persone che nell’ultimo decennio si sono mobilitate per la difesa del lavoro, della scuola, della cultura, dell’ambiente e del territorio, dei beni comuni, della valorizzazione del Mezzogiorno; a quanti, lavoratrici e lavoratori, precari, disoccupati, studenti, insegnanti, intellettuali, pensionati e migranti credono non più rinviabile un’alleanza politica e sociale che sia chiaramente alternativa alle politiche di austerità di cui si fanno interpreti tanto il PD quanto Caldoro; a quanti, liberamente e con la propria storia, vogliano investire anche in un progetto di rinnovamento delle modalità di azione politica nelle assemblee elettive in cui le persone e il territorio diventino reali e permanenti protagonisti di un nuovo modello di società, alternativo al liberismo ed alla gabbia dei sacrifici imposta dall’Unione Europea, che guardi al Mediterraneo e che sia fondato sul lavoro, l’ambiente e la democrazia.

Questo breve appello, non esaustivo e da arricchire nel confronto che verrà, vuole essere una base di partenza per la costruzione di un percorso aggregativo che sia espressione dell’alleanza sociale qui richiamata e che, anche in riferimento alle prossime elezioni regionali, si possa porre chiaramente in alternativa tanto alla destra populista, razzista e antimeridionalista di Salvini che al blocco di potere rappresentato dalla destra di Caldoro e dal PD: un percorso autonomo ed indipendente, di uomini e di donne, che dia nuovamente senso all’agire politico; un’alternativa capace, tra l’altro, di fare emergere con l’impegno collettivo un nuovo modo di fare politica nelle istituzioni, con persone preparate e disinteressate al tornaconto personale; un’alternativa che abbia la piena consapevolezza delle sfide ancora da affrontare da parte di quel popolo che per anni ha lottato e continua a lottare contro i poteri economici e criminali, spesso e volentieri indistinguibili, responsabili della distruzione della nostra Regione in nome del loro profitto.

Per aderire invia una mail a: appellomaggio@gmail.com

appello maggio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...