Video choc Lampedusa

1. SCANDALO, SCANDALO! INCHIESTA, INCHIESTA! A LAMPEDUSA I CAPI COLORATI SI LAVANO A FREDDO, CON LE POMPE COME FOSSERO ALL’AUTOLAVAGGIO. AL FREDDO DI DICEMBRE

2. MA INCHIESTA SU COSA? QUELLO CHE SUCCEDE NELLE GALERE TEMPORANEE PER IMMIGRATI – COSÌ ANDREBBERO CHIAMATE – , DOVE SI È PRIVATI DELLA LIBERTÀ SENZA UN PROVVEDIMENTO DELL’AUTORITÀ GIUDIZIARIA, LO SI SA PERFETTAMENTE DA OLTRE DIECI ANNI

1 – A LAMPEDUSA I CAPI COLORATI SI LAVANO A FREDDO Inchiesta, inchiesta! “I responsabili pagheranno!”, promettono Lettanipote e Alfanayev di fronte all’innegabile filmato della tv di Stato (Rai2). A Lampedusa i cosiddetti “migranti”, come va di moda chiamarli per fare piacere al Papa, vengono messi in fila, denudati e lavati con le pompe contro una parete come fossero all’autolavaggio. Il tutto al freddo di dicembre. Inchiesta, inchiesta! Ma inchiesta su cosa? Quello che succede nelle galere temporanee per immigrati – così andrebbero chiamate – , dove si è privati della libertà personale senza un provvedimento dell’autorità giudiziaria, lo si sa perfettamente da oltre dieci anni. E questo nonostante i giornalisti non possano entrarvi e le ispezioni dei politici siano difficoltose. Queste strutture-lager sono state riempite di disgraziati per colpa delle disgraziatissime leggi Turco-Napolitano (sì, lui, il buon Re Giorgio) e Bossi-Fini. Lettanipote, Alfanayev e Lupi, tre apostoli del famoso “Intergruppo per la Sussidiarietà” tanto cara non solo a Comunione & Fatturazione, sanno perfettamente che i (finti) privati che gestiscono queste galere lucrano dallo Stato appalti milionari. Ci sarà da divertirsi, a fare “l’inchiesta” di governo. Come finirà? Finirà come per le puntate precedenti: cambiando nome alle cose. Prima li chiamavano Cpt, oggi Cie e domani Cgm: Centri di guarigione migranti.

2 – LA SUSSIDIARIETA’ VI RENDERA’ LIBERI (E LE COOP ANCHE) Il Corriere intervista Cono Gallipò, un nome da gelato per il gestore delle docce gelate (p. 15). Questo signore di 62 anni protesta: “Basta con questa storia del lager perché il filmato che s’è visto in tv falsa tutto”. A noi interessa la didascalia: Cono Gallipò è “l’amministratore delegato di ‘Lampedusa Accoglienza’, società del consorzio di cooperative sociali Sisifo, che gestisce da cinque anni il centro di Lampedusa” (p. 15). Ancora una volta, nell’ipocrisia dei nomi c’è già molto. Poi apriamo Repubblica, e si scopre qualcosa di più: “La Cooperativa Lampedusa Accoglienza appartiene al Gruppo Sisifo, che ha una serie di imprese della Lega Coop. Nel 2012, come documenta una recente inchiesta dell’Espresso, ha ricevuto dallo Stato 3 milioni e 116mila euro e incassa da 30 a 50 euro per ogni profugo ospitato per ogni giorno di assistenza” (p. 17). “Ospitato”, “assistenza”. Belle parole.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...