UMANITA’: LA COMPAGNA CANCELLIERI HA AVUTO LA SOLIDARIETA’ DEL PD E PDL

cancellieri-

FORSE SALVERÀ IN EXTREMIS LA PROPRIA POLTRONA DI MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (PER POCHI INTIMI), MA DI SICURO NONNA PINA CANCELLIERI S’È GIOCATA L’ASCESA AL QUIRINALE – E DIRE CHE RE GIORGIO (88) L’AVEVA PENSATA BENE LA PROPRIA SUCCESSIONE. QUALE TROVATA MIGLIORE, PER PASSARE ALLA STORIA, DI CEDERE LO SCETTRO PER LA PRIMA VOLTA A UNA DONNA? FEDELE. CHE GLI DEVE TUTTO. UBBIDIENTE. APARTITICA. PIAZZATA ALLA GUIDA DI DUE MINISTERI CHIAVE, COME IL VIMINALE E VIA ARENULA, IN MODO DA PADRONEGGIARE I DOSSIER E CONQUISTARE AFFIDABILITÀ AGLI OCCHI DEI FAMOSI ALLEATI – MAI VOTATA, SEMPRE COOPTATA. RITENUTA “POPOLARE” SOLO PERCHÉ SEMBRA ALDO FABRIZI CON LA PARRUCCA. CON LA CANCELLIERI E IL SUO VOCIONESUL COLLE, SI SAREBBE FINALMENTE COMPIUTA ANCHE LA VERA MISSIONE DI PINGITORE: TRASPORTARE IL BAGAGLINO AL QUIRINALE E TRASFORMARE LA COMICITÀ DI REGIME IN UN REGIME DELLA COMICITÀ

a cura di COLIN WARD (Special Guest: Pippo il Patriota)

1. RE GIORGIO, TROVANE UN’ALTRA
Forse salverà in extremis la propria poltrona di ministro della Giustizia (per pochi intimi), ma di sicuro Nonna Pina Cancellieri s’è giocata l’ascesa al Quirinale. Ve l’immaginate affrontare il gioco al massacro delle votazioni per la presidenza della Repubblica, con il fuoco di sbarramento delle ironie su quell’essere “a disposizione” della famiglia Ligresti? Un po’ come se Giulio Andreotti avesse tentato di arrivare al Colle ai tempi del crack di Michele Sindona.

E dire che Re Giorgio (88) l’aveva pensata bene la propria successione. Quale trovata migliore, per passare alla storia, di cedere lo scettro per la prima volta a una donna? Sembrandogli eccessiva la soluzione Clio (79) ecco Nonna Pina (70). Fedele. Che gli deve tutto. Ubbidiente. Apartitica. Piazzata in rapida successione alla guida di due ministeri chiave, come il Viminale e Via Arenula, in modo da padroneggiare i dossier e conquistare affidabilità agli occhi dei famosi Alleati.

Mai votata, sempre cooptata. Ritenuta “popolare” solo perché sembra Aldo Fabrizi con la parrucca. Con la Cancellieri e il suo vocione nelle stanze dei corazzieri, si sarebbe finalmente compiuta anche la vera missione di Pingitore&Castellacci: trasportare il Bagaglino al Quirinale e trasformare la comicità di regime in un regime della comicità.

2. LE TARANTELLE DI NONNA PINA
E invece non andrà così. Non andrà così perché una ottima cronista locale di Repubblica Torino ha tirato fuori le telefonate che scottano della Signora Ministra, assai desiderosa di fare “tutto il possibile” per una famiglia che ha scavato un buco spaventoso in quello che era il secondo gruppo assicurativo italiano (dopo Generali).

Non andrà così, ed è già tanto se Nonna Pina Pelusa salverà la cadrega attuale, perché sulla vicenda Eziolo Mauro e l’Ingegner Cidibbì ci hanno messo il carico da 12 e vogliono andare al voto prima che Renzie si logori. Con tanti saluti a Eu-genio Scalfari (89), che invece è tutto indaffarato a tenere alto il catetere di Bella Napoli in favore di Aspenio Letta.

Oggi la bordata più pesante viene affidata alla penna di Massimo Giannini, che scaraventa su Repubblica due pagine impietose: “Dal Cavaliere alla Cancellieri, il romanzo del potere al telefono. I Ligresti nel solco del ‘berlusconismo da corruzione’. Perché il Guardasigilli sente il bisogno di rendersi disponibile?

Pesano le vicende del figlio e un rapporto gregario. Mai sentito di iniziative per altri detenuti. Scaglia e Mazzitelli, in carcere per la vicenda Telecom-Sparkle, erano malati come Ligresti. A Montecitorio si ipotizza che dalla mangiatoia dei Ligresti potrebbero venire fuori notizie spiacevoli per il fronte ‘governista’ Pdl” (pp. 6-7). Un accenno, quest’ultimo, neppure tanto velato ad Angelino Jolie Alfano e ai suoi seguaci. Ed è chiaro che se nello scandalo Ligresti risultassero coinvolte anche alcune “colombe” del Pdl, le Larghe intese verrebbero travolte in un minuto.

Il Corriere della Stabilità (bancaria) tenta di tenere basso lo scandalo, ma dopo aver impiombato il primo sfoglio con le solite doglianze dei “Piccoli” e con un po’ di propaganda su “Lavoro & Giovani” e Provincie, è costretto a venire al dunque (a pagina 10!). Ed è subito velina con un finto “dietro le quinte”: “Quelle dimissioni offerte due volte al premier. Le rassicurazioni di Letta. Sabato pomeriggio il colloquio risolutivo. Cancellieri prepara la ricostruzione dei fatti: ‘Quando Fonsai fece l’offerta a mio figlio io ero soltanto un prefetto in pensione” (p. 11)

Eh sì, povera Nonna Pina. Completa l’opera di sbianchettamento un luminoso intervento firmato Valerio Onida (ma sembra scritto a quattro mani con Marzio Breda) che dà inchiostro al Napo-pensiero (p. 1-39, letto dopo i pasti, favorisce la digestione).

Il Giornale ne approfitta per intervistare con tutte le pompe la fidanzata del direttore: “Daniela Santanchè: ‘Salviamo la Cancellieri, ma lei sia coerente. Sbaglia a dire che il caso Berlusconi-Ruby è diverso dal suo” (p. 8). E invece è diverso: un conto è intervenire per liberare la finta nipote di Mubarak, un altro è muoversi per la vera figlia di Don Salvatore.

Ottima e abbondante anche la segatura sparsa dal Messaggero di Don Cusenza: vigorosa apertura di prima sulla casa (“Tornano le detrazioni”) e memorabile intervista a Nonna Pina Pelusa. Che straparla così: “Personalmente sono una roccia. Il metodo Boffo lo abbiamo ben conosciuto in altri tempi. Bisogna reagire”. E ancora: “Non sempre sono piaciuta a tutti, da ministro dell’Interno prima e della Giustizia poi.

Qualcuno si è visto sciogliere comuni per mafia, altre persone sono state mandate via perché rubavano o perché hanno fatto strame del denaro pubblico” (p. 7). Ah, ecco. Il Complotto, la mafia, i servizi deviati. Dietro la divulgazione della sue indecorose telefonate con i Ligrestos, forse, anche l’interferenza di misteriose entità della Galassia.

Anche la Stampa del corazziere Calabresi dedica la prima pagina ad altro (intervista a Epifani, code alle edicole) e rassicura i cassintegrati Fiat: “Cancellieri, niente dimissioni. La maggioranza è compatta. Cuperlo: nessuno ultilizzi questo episodio per colpire l’esecutivo Letta” (p. 4). Ma figuriamoci, caro compagno! Poi passa la Corbi Maria e sono subito confetti: “I Peluso, tre uomini guidati da una donna iperprotettiva. La famiglia del ministro: per i figli i migliori studi e incarichi prestigiosi” (p. 5).
colinward@autistici.org

napolitano-cancellieri-quirinale-

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...